Sabato 19 Ago 2017
Luoghi di culto

In marcamontana anche alla voce chiese corrispondono contenitori d'arte che meritano una visita, museo storico-artistica diffuso in cui tra mura di abbazie medievali, santuari rinascimentali e templi neoclassici spuntano affreschi, effìgi ed arredi sacri che testimoniano il passaggio di artisti del pennello e dell'intaglio di fama internazionale. La mano di Diotallevi di Angeluccio ha lasciato il segno nel santuario della Madonna di Valcora, nel Monastero di Fonte Bono, in Santa Maria Delle Macchie a Gagliole, città in cui Andrea De Magistris ha firmato l'affresco dove, vicino ai soggetti sacri tradizionali, compaiono due pastori, a San Domenico di San Severino. Veri trionfi artistici le chiese sanseverinati dove opere in legno o su tela sono seconde solo agli inestimabili affreschi dei Salimbeni. A Castelraimondo I' interno di Santa Maria Assunta vanta un Giovanni Boccati. A Pioraco la Madonna della Grotta una crocifissione di Girolamo di Giovanni e San Francesco una rarità: l'altare dei cartai. Opere rare, magari miracolose, sono comuni in questo territorio. È il caso della statua della Madonna di Loreto a Santa Chiara di Treia, del Crocilisso traumaturgo di San Giovanni Decollato a Matelca, dell'effìge della Madonna delle Lacrime a Pioraco.

Tabernacolo ligneo, Deposito attrezzato dei Beni Culturali di Fiuminata, proveniente dalla chiesa di San Cassiano, San Cassiano

Il tabernacolo, attualmente esposto al Deposito attrezzato dei Beni Culturali di Fiuminata, proveniva  dalla chiesa di San Cassiano, documentata a partire dal XV secolo. Del manufatto non si possiede alcuna notizia storica.

L’opera è in legno dorato e dal restauro è emerso che si tratta di abete e pioppo. La doratura è realizzata a bolo.

Da un punto di vista strutturale il tabernacolo assume la forma di un piccolo tempio: dal basamento a pianta quadrata, sui quattro lati si alzano delle lesene scanalate in stile dorico che sostengono una cornice leggermente aggettante e

Leggi tutto: Tabernacolo ligneo, Deposito attrezzato dei Beni Culturali di Fiuminata, proveniente dalla chiesa...

Copertura di fonte battesimale, Chiesa di San Giovanni Battista, Castello

Il manufatto si conserva nella chiesa di San Giovanni Battista a Castello, all’interno di una nicchia posta a sinistra dell’ingresso principale e chiusa da una cancellata in ferro battuto. La prima notizia che fa riferimento alla presenza di un fonte battesimale risale alla visita pastorale del 1582, mentre in una citazione del 1745 si dice che “ad esso era soggetta per il battesimo tutta la comunità di Fiuminata” e che per ogni battesimo si dovevano portare “una candela una pagnotta e due ovi”. Mancano completamente, invece, indicazioni in merito all’oggetto in esame, ma si conosce con esattezza la data di esecuzione, in quanto su uno dei due sportelli apribili è inciso l’anno 1689.

Leggi tutto: Copertura di fonte battesimale, Chiesa di San Giovanni Battista, Castello

Diotallevi di Angeluccio da Esanatoglia, Crocifissione, Madonna di Loreto e Sant’Antonio Abate, Chiesa della Madonna di Valcora, Valcora

Nell’abside della chiesa della Madonna di Valcora, si conservano gli affreschi attribuiti a Diotallevi di Angeluccio da Esanatoglia o Maestro di Esanatoglia, facenti parte di un più ampio ciclo pittorico andato parzialmente perduto.

Pittore locale attivo nella seconda metà del XIV secolo, si forma nell’ambiente della scuola fabrianese di Allegretto Nuzi e Francescuccio Ghissi. Viene poi in contatto con la corrente figurativa emiliana di Andrea da Bologna diffusasi nelle Marche, da cui trasse una maggiore apertura e consapevolezza naturalistica, nota dominante degli affreschi di Valcora.

Leggi tutto: Diotallevi di Angeluccio da Esanatoglia, Crocifissione, Madonna di Loreto e Sant’Antonio Abate,...

Camillo Bagazzotti, Madonna col Bambino, Santa Lucia e Sant’Antonio Abate, Chiesa di Santa Maria, Laverino

La chiesa di Santa Maria conserva, oltre ai preziosi affreschi della navata, anche un dipinto su tela collocato nella parete a destra dell’altare. Vi è rappresentata la Vergine con il Bambino in trono, incoronata da due angeli, tra Sant’Antonio Abate e Santa Lucia.

Riferita in passato a Simone De Magistris, l’opera è stata attribuita dal Bittarelli al pittore camerte Camillo Bagazzotti, attivo nella seconda metà del XVI secolo: il suo linguaggio, di matrice lottesca, è molto vicino alle nuove forme espressive di Simone De Magistris, l’autore più originale del suo tempo.  

Leggi tutto: Camillo Bagazzotti, Madonna col Bambino, Santa Lucia e Sant’Antonio Abate, Chiesa di Santa Maria,...

Chiesa di San Cassiano, San Cassiano

Le prime notizie riguardanti la chiesa risalgono al 1407 quando in un testamento vi fu richiesta la sepoltura e a questo scopo vennero donati cinque soldi.     

A navata unica con piccola abside semicircolare, l’edificio attuale è stato ampiamente ristrutturato e rinnovato. Conservava al suo interno un prezioso tabernacolo ligneo e due dipinti su tela rappresentanti la Vergine tra San Cassiano e Sant’Ippolito, del XVI secolo e una Madonna del Rosario, del 1765, attualmente esposti al Deposito attrezzato dei Beni Culturali di Fiuminata.

Leggi tutto: Chiesa di San Cassiano, San Cassiano

Chiesa di San Pietro, Pontile

La chiesa è documentata a partire dal XV secolo, ma l’edificio attuale è recente: una targa ricorda che era preesistente al 1653 e venne rialzata e allungata nel 1950. Una chiesa omonima precedente è documentata sul colle San Pietro, dove sorgeva il villaggio di Soppenicchio.  

All’interno si conserva un pregevole paliotto d’altare, proveniente, secondo fonti orali, dal santuario della Madonna di Valcora.

Leggi tutto: Chiesa di San Pietro, Pontile

Chiesa di San Paolo, Orpiano

Seminascosta dalla vegetazione, la chiesa si trova a poca distanza dalla piccola frazione di Orpiano.

Ha origini molto antiche: è documentata fin dal XIII secolo in un catasto camerinese ed è citata in alcuni testamenti del XV secolo. Nel 1582, anno della prima visita pastorale, risulta unita alla parrocchia di San Giovanni Battista di Castello, con cui rimase fino agli anni ’80 del secolo scorso, per poi passare alla chiesa di Santa Maria Assunta di Fiuminata.

Leggi tutto: Chiesa di San Paolo, Orpiano

Chiesa di Santa Maria Assunta, Fiuminata

Chiesa principale del capoluogo, si trova in cima all’abitato dove un tempo si sviluppava il paese, ora invece più esteso verso la valle.

Un villaggio denominato Massa è documentato fin dal XIII secolo, ma unica testimonianza dell’antico borgo è oggi un palazzo risalente al XVI secolo.

La chiesa attuale, sebbene ricostruita nel XIX secolo, conserva, nella parete sud, tratti di muro più antico che risalgono al medioevo: infatti, come si evince da alcuni documenti notarili, esisteva già nel 1406.

Leggi tutto: Chiesa di Santa Maria Assunta, Fiuminata

Chiesa di San Giovanni Battista, Castello

La chiesa di San Giovanni Battista si trova nell’antico borgo medievale di Castello.

L’edificio, la cui facciata è inglobata nelle mura castellane, affianca l’arco d’ingresso al paese e venne costruito alla fine del XIV secolo. Della struttura trecentesca oggi si conserva soltanto la parete che è rivolta verso la via principale, appena varcata la porta castellana sulla sinistra. Essa conserva due portali ogivali in pietra, tamponati, da cui si accedeva alla chiesa antica, in quanto ne costituiva la facciata d’ingresso e una bifora trilobata con colonnina tortile, decorata con il fiore a sei petali, la croce templare e l’agnello.

Leggi tutto: Chiesa di San Giovanni Battista, Castello

Chiesa della Madonna di Valcora, Valcora

A ridosso del Monte Bordaino, in posizione elevata, sorge il santuario della Madonna di Valcora. In epoca medievale costituiva la chiesa parrocchiale di Sarracchiano, antico insediamento oggi scomparso.

Non si possiedono testimonianze scritte anteriori al XV, ma la struttura originaria della chiesa, di cui è rimasto solo l’abside, risale al XIV secolo, mentre il complesso attuale è il frutto di un ampliamento avvenuto nel 1728: di questo periodo è probabilmente anche l’eremo che affianca il santuario, recentemente restaurato e adibito a soggiorni spirituali.

Leggi tutto: Chiesa della Madonna di Valcora, Valcora

Chiesa di San Michele Arcangelo o Romitella, Campottone

Nella valle retrostante il paese di Campottone, percorrendo una stradina di montagna si giunge a una chiesa, posta sulla sommità di un piccolo colle.

Intitolata a San Michele Arcangelo, venne fondata nel 1313 da Meruzio di Monalduccio dei Nobili di Somaregia, allora padroni della valle, e fu terminata già nel 1322, quando lo stesso nel testamento scelse proprio la chiesa per la sua sepoltura.

Leggi tutto: Chiesa di San Michele Arcangelo o Romitella, Campottone

Chiesa di San Domenico, Campottone

Le origini del nome Campottone derivano da Attone, termine con il quale si chiamavano molti dei Conti di Nocera che nel medioevo dominavano la valle.

Ad essi si deve la fondazione nell’XI secolo della chiesa di San Lorenzo, oggi scomparsa, il cui materiale forse venne utilizzato per costruire la chiesa di San Domenico, che conserva sulla facciata alcuni conci e fregi antichi in pietra: una monofora con l’agnello mistico e un portale in pietra ad arco a sesto acuto.

Leggi tutto: Chiesa di San Domenico, Campottone


Calcola il Percorso di Marca

Seleziona l'inizio del percorso:
Seleziona la fine del percorso:
Tipologia:
Waypoints: (Ctrl-Click for multiple selection)

Video Gallery