Giovedì 17 Ago 2017

Le Reliquie

In queste terre intrise di religiosità popolare, orafi ed intagliatori hanno potuto garantirsi per lungo tempo la sussistenza grazie ai reliquiari, lasciandoci opere di straordinario valore artistico. Servivano alla committenza per tenersi vicino testimonianze di santità che rafforzassero la fede e aumentassero la notorietà dei luoghi di culto. Per i fratelli Vittorio e  Severino hanno come ultima dimora  terrena rispettivamente Pioraco e San Severino, citta questa in cui riposa anche San Pacifico Divini.  Le spoglie della Beata Mattia Nazarei riposano nel "suo" monastero matelicese.

A Treia in San Filippo solo reliquie del "suo" Beato Pietro Marchionni, citato anche nei Fioretti tra i primi seguaci di San Francesco, ma i corpi integri dei martiri Castoria, Venusta e Valentino: quest'ultimo pare possa essere quello autentico del santo degli innamorati.