Domenica 20 Ago 2017

La Valle Scurosa

La Valle Scurosa

Cenni Storici
All'imbocco della valle della Scurosa è documentato, fin dal XV secolo, un villaggio chiamato Sermaggiore. Dell'antico nucleo abitato si scorgono ancora alcune tracce superstiti nei pressi dell'antichissima chiesa di San Paolo, oggi scomparsa. Le prime citazioni di questo insediamento risalgono ad alcuni atti notarili della prima metà de 1400, in cui viene denominato Sancte Amatore e successivamente vocabolo Serramori. Successivamente fu abbandonato e distrutto dal fuoco a causa di un'epidemia di peste e i sopravvissuti si rifugiarono più in alto, negli insediamenti di Cerreto e Butino, dando origine all'odierna frazione di Sorti. Al di sopra della Valle e del rifugio agrituristico denominato Oasi della Scurosa si può notare una collina rocciosa chiamata Rocchetta, nata tra la fine del XIII e la prima metà del XIV secolo.

La collina fu così denominata in onore della fortificazione che vi nacque, a difesa del villaggio di Sermaggiore, della posizione strategica e della visibilità che essa aveva verso Sefro e verso il valico della Bocchetta della Scurosa. Alcuni resti di superficie inducono a pensare che si trattasse effettivamente di un edificio fortificato a picco sulla vallata e isolato da due fossati. Si può scorgere ancora il basamento di una torre in pietra calcarea bianca, al di sotto della quale esiste un locale sotterraneo con volta a botte che fa pensare all'esistenza di un'antica cisterna (C. Mazzalupi, 1997).

valle_scurosa05.jpgvalle_scurosa04.jpgvalle_scurosa_6.jpgvalle_scurosa_4.jpgvalle_scurosa03.jpgvalle_scurosa_3.jpgvalle_scurosa06.jpgvalle_scurosa_2.jpgvalle_scurosa_5.jpg