Domenica 20 Ago 2017

I reperti egizi di Treia

Nel 1909. durante gii scavi per la costruzione del Santuario del SS Crocifisso dove sorgevano non solo l'Iseo, ma Trea stessa, come confermano recenti indagini archeologiche, vennero ritrovati alcuni, frammenti e statue egizie che, ritenute resti di copie romane, furono collocati sulla facciata del campanile della chiesa, prima di occupare oggi il posto d'onore nel Museo Archeologico. Oltre ad un mosaico con ibis, ci sono una testa di Serapide (più noto come Osiride), una dei Iside e due prodotti di arte egizia di epoca tolemaica di importanza mondiale. La figura femminile è simile a quella di una sacerdotessa trovata sulla Terrazza degli Dei Stranieri nel tempio di Iside a Delo ed a quella della regina Tuia, trovata a Roma. La figura maschile, acefala, alta arca 77,5 centimetri, veste lo shendyt, caratteristico gonnelino, ed il copricapo regale nemes.