Venerdì 18 Ago 2017

La via Francescana

Segue le orme di San Francesco collegando Assisi o Loreto. Dalla Bocchetta della Surosa (Sefro) si snoda tra le colline fino ad arrivare a Treia. È un percorso di media difficoltà suddiviso in 4 tappe cui sono collegati sentieri anello che permettono la vista di edifici di culto, rocche, panorami suggestivi. Lungo il percorso, tourist point e strutture ricettive.

Prima Tappa: Sefro - Fiuminata. 

Si snoda lungo la valle dello Scarsito e comprende l'Oasi di Valle Scurosa. Si percorre il sentiero 201 in leggera salita fino a Sefro attraverso un bosco quindi si procede verso Pioraco da cui ci si immette sul sentiero 228 per costeggiare il Potenza fino a Fiuminata.

 

Seconda Tappa: Fiumiuta - Esanatoglia.

Dal centro del paese si sale per il sentiero 220, si imbocca il segnavia 149 che, superata la frazione di Palazzo. scende nella fascinosa Valle delle Vene (Fiume Esino) seguendo il sentiero-segnavia 148 fino ad Esanatoglia.

 

Terza Tappa: Esanatoglia - Matelica - Fiuminata.

Superata la frazione di Braccano, una strada sulla destra che precipita nella Gola della Jana conduce fino ai ruderi dell'Abbazia di Roti. Da qui è visibile la sella che tra i monti Vinano ed Argentario collega la vallata di Matelica a San Severino Marche.

 

Quarta Tappa: San Severino Marche - Treia.

Dal punto di vista storico è la tappa più interessante perché collega alcune delle più belle ed interessanti torri che dominano l'orizzonte: Aliforni, Pitino, Isola. Prima di entrare nell'abitato medioevale di Treia si scorge in lontananza il profilo inconfondibile del Santuario di Loreto.

 

Anello di Gagliole.

Nella terza tappa, se da Braccano ci si dirige verso Gagliole, oltre all'ambiente ricco di emergenze botaniche, geologiche si incontrano sul percorso la Madonna delle Macchie e la Madonna della Pieve. A Gagliole il Centro di Educazione Ambientale ed il Museo di Storia Neturale della Fondazione Oppelide costituiscono due importanti centri didattici, insieme al, il rifugio del Cai “Monte Pormicio" Si possono prenotare visite guidate alla Valle dell'Elce e Valle dei Grilli. Si ritorna sulla strada principale lambendo i Prati di Gagliole.