Venerdì 18 Ago 2017

Sorgente Roccaccia (o Capraro) e Sorgente Rocca di Laverino

Sorgente Roccaccia (o Capraro) e Sorgente Rocca di Laverino

La valle del Fosso Fiumetto è alimentata da una serie di sorgenti: Sorgente Roccaccia (o Capraro), Sorgente Rocca di Laverino e le Sorgenti Fonte Le Cuparelle e Fonte Fragola che emergono poco sotto la cima di M. Bordaino. L’emergenza delle stesse è strettamente legata alla composizione delle rocce presenti, al loro stato di fratturazione ed all’assetto strutturale delle stesse, cioè al modo in cui le rocce sono disposte in profondità (cfr. scheda 9).

Nelle rocce sedimentarie, come quelle presenti a Fiuminata, la circolazione dell’acqua avviene attraverso un sistema di vuoti costituito dalle discontinuità della roccia stessa, cioè gli strati, le fratture, le faglie e le cavità carsiche. In linea generale l'acqua piovana che si infiltra nelle discontinuità delle rocce discende verso il basso sotto l’azione della forza di gravità fino a quando non incontra uno strato impermeabile o fino a che tutti gli spazi vuoti sono saturi d'acqua; quindi l’acqua defluisce più lentamente e sub-orizzontalmente fino a raggiungere una sorgente.

Nel caso specifico in corrispondenza delle Sorgenti Roccaccia e Rocca di Laverino le acque meteoriche, che si infiltrano a M. Ferro Rotondo dove in superficie affiorano i calcari permeabili della Maiolica, vengono a giorno dalle stesse rocce “serbatoio”.

La Sorgente Roccaccia è ubicata lungo il Fosso Fiumetto a quota circa 620 m s.l.m. e sgorga dai calcari della Maiolica a causa dello sbarramento, con conseguente trabocco della falda, creato dalle Marne a Fucoidi impermeabili e grazie alla presenza di una faglia e della fascia fratturata ad essa connessa, che producono un condotto drenante.

La Sorgente Rocca di Laverino è ubicata sempre lungo il Fosso Fiumetto ma a quota circa 700 m s.l.m.; anch’essa, come la precedente, sgorga dai calcari della Maiolica a causa dello sbarramento creato dalle Marne a Fucoidi impermeabili. La sua portata è comunque minore.

Queste sorgenti, insieme alla Fonte Le Cuparelle e Fonte Fragola ed altre minori venute a giorno delle acque profonde lungo il fondovalle comportano incrementi di portata che si manifestano lungo il Fosso Fiumetto, i quali apportano un rilevabile contributo alla portata del Fiume Potenza confluendo sullo stesso in destra idrografica.

Interposto a queste due manifestazioni idriche (Sorgenti Roccaccia e Rocca di Laverino) si è inoltre formato un corpo di travertino (cfr. scheda 11) di interesse geologico e naturalistico, all’interno del quale si rinvengono suggestive caverne che, grazie alla forma e dimensioni, all’accessibilità ed alla posizione, hanno avuto nel passato la funzione di riparo per persone ed animali. 

sorgente_roccaccia_e_rocca_di_laverino_5.jpgsorgente_roccaccia_e_rocca_di_laverino_3.jpgsorgente_roccaccia_e_rocca_di_laverino_2.jpgsorgente_roccaccia_e_rocca_di_laverino_4.jpg