Venerdì 18 Ago 2017

Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi Recanati 1798 – Napoli 1837 Tra il luglio e l'agosto del 1819, in piena condivisione degli ideali politici e letterari del romanticismo, Giacomo Leopardi progetta la fuga da Recanati cercando di procurarsi un passaporto per il Regno Lombardo Veneto da un amico di famiglia, il treiese conte Saverio Broglio d'Ajano. Il padre lo viene a sapere e il progetto di fuga fallisce. Il conte non è il solo legame del poeta con Treia: Leopardi ammira talmente Carlo Didimi, coetaneo, nobile e patriota, fuoriclasse del gioco del pallone col bracciale, da dedicargli, nel 1821, la canzone "A un vincitore nel pallone". Una vicenda storico-politica, umana e sportiva che ogni anno Treia rinnova attraverso la Disfida del Bracciale.