Venerdì 18 Ago 2017
Gagliole

gaglioleLa storia di Gagliole data in epoca pre romana con il ritrovamento di insediamenti preistorici effettuato a più riprese nella vallata del Potenza ed a Colle Marte. Sono del Medioevo però le tracce ancora oggi evidenti: il castello, la rocca, eccellenza dell'ingegneria militare marchigiana, Santa Maria della Pieve. Architettura ed arte sono strette in un connubio che si rafforza per la penetrazione all'interno di un tessuto naturalistico che fornisce lo spunto per escursioni indimenticabili: Prati, Valle dell'Elce, Grotta dell'Elce e del Sasso Pozzo. Un tour che comprende anche le frazioni testimoniano la secolare attività agricola e la pratica della fede religiosa tradizionalmente ad essa legata: i mulini si alternano agli edifici di culto, templi ed eremi di inestimabile valore storico e ricchi di affreschi preziosi come la Madonna delle Macchie.

eremo_macchie.jpgpanorama.jpgmacchie_gagliole.jpgpanorama2.jpgrocca.jpg

 

Edicola del Cerqueto

È conservata presso la casa di riposo Chierichetti e proviene da un tabernacolo viario presso Cerqueto, lungo la strada che dal castello di Gagliole conduce al Santuario della Madonna delle Macchie. L'affresco di Lorenzo D'Alessandro rappresenta la Madama in trono con Bambino dormiente.  All'interno della nicchia, i santi taumaturgici Antonio Abate e Sebastiano. Il culto di Sant'Antonio ebbe grande seguito tra il XIV ed il XV secolo in seguito alla Legenda Aurea (1250) in cui Iacopo da Varazze racconta le vite dei santi, dei martiri e dei profeti intrecciando fede, leggenda e storia. L'opera costituirà a lungo una fonte insostituibile per letterati e artisti.

Leggi tutto: Edicola del Cerqueto

Chiesa di San Michele Arcangelo

È dedicato ad un santo tra i più venerati nel territorio dell'Unione Montana. Dell'impianto originale romanico-gotico il portale con le decorazioni in cotto (XIV secolo) ed alcune porte laterali. All'interno, è concepita nello schema neoclassica della ristrutturazione cui è stata sottoposta nel Settecento: interessanti i due altari laterali in pietra locale (XVlll secolo). Alle pareti pregevoli affreschi dei secoli XV e XVI ascrivibili alle scuole pittoriche di Camerino e San Severino raffiguranti Santa Caterina D'Alessandria, San Luca, Sant'Antonio da Padova, San Damiano, Sant' Antonio Abate, San Giuseppe. Due le intense opere del ciclo ligneo del territorio: l'altare (ornato da una Madonna con Bambino e Santi del XVII secolo vicina ai modi di Simone Cantarini) ed un intenso San Sebastiano.

Leggi tutto: Chiesa di San Michele Arcangelo

Acquosi

Procedendo lungo la strada provindale che congiunge Gagliole a Matelica, a circa Km. 1.500 dal primo centro abitato sorge il villaggio di Acquosi, da distinguere in Acquosi alto ed Acquosi basso (oppure Villa Baldoni a 489 mt ed Acquosi a 438 mt).  A monte di Villa Baldoni sorge la chiesa il San Giovanni, l'edifìcio più antiico di questa parte del territorio. E' proprio a questa chiesa che si riferisce il documento che cita Acquosi nel  1198: vi si legge che era soggetta all'abbazia di Sant'Angelo infra Ostia di Esanatoglia.  Acquosi ricompare come villa nella documentazione notarile del XVI secolo.

Leggi tutto: Acquosi

Chiesa di San Giovanni

La chiesa di San Giovanni di Aquosi è l'edificio più antico di questa parte del territorio comunale. La si ricorda anche nel resoconto delle visite apostoliche e pastorali del 1572 e del 1582: vi si legge che la chiesa non aveva sagrestia, ma casa parrocchiale e che la parrocchia comprendeva 61 famiglie.  Si presenta architettonicamente oggi come descritta nei catasti del XVIII seoolo. Rimaneggiata più volte nei secoli è un edificio piuttosto ampio, pari a due terzi della Pieve di San Zenone e non è officiata.  Ha ereditato la titolazione a San Giovanni Battista dall'antica chiesa. più scomoda e per questo sostituita.

Leggi tutto: Chiesa di San Giovanni

Gagliole - Le chiese

Nel tour tra le straordinarie chiese di Gagliole il posto d’onore è riservato senz’altro al santuario di Santa Maria delle Macchie (in foto il particolare di un affresco), vero e proprio monumento all’arte oltre che antichissimo luogo di culto.

Madonna della Pieve, nota anche come Pieve di San Zenone, se architettonicamente riporta al Duecento, con le decorazioni pittoriche attribuite a Bernardino di Mariotto si inserisce a pieno titolo nella fortunata stagione delle scuole di Camerino e San Severino.

Non da meno è l’offerta artistica di San Michele Arcangelo che comprende anche intense opere del ciclo ligneo marcamontana, un ciclo che fa tappa anche a San Giuseppe dove, tra un affresco e l’altro a firma De Magistris, si ammira un Crocefisso in ligneo policromo del XVI secolo di grandissimo valore stilistico ed artistico.

Leggi tutto: Gagliole - Le chiese


Calcola il Percorso di Marca

Seleziona l'inizio del percorso:
Seleziona la fine del percorso:
Tipologia:
Waypoints: (Ctrl-Click for multiple selection)

Video Gallery

Gagliole

Agosto 2017
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2