Lunedì 21 Ago 2017
Pioraco

pioracoPioraco è stata definita la Svizzera delle Marche per le sue straordinarie bellezze naturali di grande suggestione come il Sentiero Vurgacci. Per queste, ancora oggi intatte, Isabella D'Este Gonzaga diceva che è "loco tanto ameno quanto la natura havesse potuto fare". Completano l'offerta moderne strutture sportivo-ricreative. Ricco di acque, il territorio ha ispirato ai suoi abitanti la fabbricazione della carta: una raccolta di filigrane documenta l'attività svolta nella cartiera dai suoi maestri incisori; nella Bottega della Carta si assiste alla fabbricazione manuale con tecniche e strumenti del 1300. Come in tutto il territorio , chiese e palazzi sono scrigni di arte. Grandi pittori come Luca Signorelli, hanno lasciato tracce straordinarie della loro produzione.

 


 

 

248 B (Crinale Santa Maria)

Il tracciato parte dai prati di Castel Santa Maria, dal sentiero n. 248 Giurassico, e va in direzione EST, scendendo lungo il crinale verso il bosco. Non vi sono fonti ed il percorso è lungo 1800 metri ed ha un dislivello che va da 888 metri fino a max 1230 metri.

Leggi tutto: 248 B (Crinale Santa Maria)

248 (Giurassico)

E' un tracciato che collega il n. 220 Terre Rosse con le scogliere di un vecchio passaggio che conduce alla croce del Monte Castel Santa Maria. Un bellissimo percorso con affacci sulle scogliere sottostanti. Non ci sono fonti e ha una lunghezza di 2300 metri ed un dislivello che parte dalla quota 821 metri fino a 1167 metri.

Leggi tutto: 248 (Giurassico)

220 (Le Terre Rosse)

Sentiero 220 indicato dall'Unione Montana di San Severino.

Leggi tutto: 220 (Le Terre Rosse)

246 D (Passo del Mularo)

Il suo nome in origine doveva essere "Passo del Lupo", poi convertito per qualche strano volere in "Passo del Mularo". Si percorre una carereccia ghiaiosa all'inizio più in pendenza per poi addolcirsi nel bosco fino a raggiungere un prato, dove si incrocia un'altra cararreccia che sale fino alla strada di Monte Gemmo. Parte da quota 765 metri fino a 974 metri. Ha una lunghezza di 1500 metri.

Leggi tutto: 246 D (Passo del Mularo)

246 C (Valle Orsina)

Si tratta di una cararreccia con un primo tratto superiore impegnativo, fino all'incrocio per Colle Pelato, sia in salita che in discesa per la forte pendenza. Termina al bivio per Siole, Passo del Mularo, e il sentiero n. 246 G "Lu Faitu". Parte da quota 456 metri fino a 779 metri. Ha una lunghezza di 1700 metri.

Leggi tutto: 246 C (Valle Orsina)


Calcola il Percorso di Marca

Seleziona l'inizio del percorso:
Seleziona la fine del percorso:
Tipologia:
Waypoints: (Ctrl-Click for multiple selection)

Video Gallery

Pioraco

Agosto 2017
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2