Lunedì 21 Ago 2017
Pioraco

pioracoPioraco è stata definita la Svizzera delle Marche per le sue straordinarie bellezze naturali di grande suggestione come il Sentiero Vurgacci. Per queste, ancora oggi intatte, Isabella D'Este Gonzaga diceva che è "loco tanto ameno quanto la natura havesse potuto fare". Completano l'offerta moderne strutture sportivo-ricreative. Ricco di acque, il territorio ha ispirato ai suoi abitanti la fabbricazione della carta: una raccolta di filigrane documenta l'attività svolta nella cartiera dai suoi maestri incisori; nella Bottega della Carta si assiste alla fabbricazione manuale con tecniche e strumenti del 1300. Come in tutto il territorio , chiese e palazzi sono scrigni di arte. Grandi pittori come Luca Signorelli, hanno lasciato tracce straordinarie della loro produzione.

 


 

 

242 A (la Via Nord Est Vetta Monte Primo)

Dal sentiero 242 (Le Sassa), da un incrocio parte il sentiero 242 A che conduce alla vetta di Monte Primo, lungo il crinale Nord Est. Parte da quota 1066 metri fino a quota 1293 metri per la lunghezza 884 metri. 

Leggi tutto: 242 A (la Via Nord Est Vetta Monte Primo)

242 E (Cavatappi)

Si tratta di un sentiero, a tratti molto aperto e con terreno alquanto smosso e sassoso, che da Seppio (fraz. di Pioraco) collega Costa San Severo (fraz. di Camerino) e sale verso Monte Primo e crea il collegamento per itinerari tutto intorno alla vetta. Parte da quota 475 metri per salire fino ai prati sotto Monte Primo a quota 1100 metri.

Leggi tutto: 242 E (Cavatappi)

242 (Le Sassa)

Dopo la "Via AL.VA.P."(sentiero n. 241) e il sentiero dalla "Colonna"(n. 241 B), parte il sentiero n. 242 detto "Le Sassa". Un percorso che passa per la suggestiva faggeta a fusto alto di M. Primo, dove si può godere della vista delle due valli dello torrente Scarzito e del fiume Potenza. Finito il primo tratto di breve salita, il sentiero si presenta di terra battuta, un vecchio passaggio arricchita dalla tipica vegetazione dell'alta quota. In questo punto si intravede il sistema di Montelago, e si incrocia il sentiero che conduce alla vetta del Monte Primo 1298 metri. Il sentiero parte da quota 1078 metri fino a quota 1150 metri, per poi scendere a quota 1098 metri. La sua lunghezza è di 1400 metri.

Leggi tutto: 242 (Le Sassa)

241 B (La Colonna)

Salendo da Pioraco alla fine della "via AL.VA.P." è il secondo sentiero che si incrocia sulla sx. Nello stesso punto parte anche il sentiero 242 che conduce verso la vetta di Monte Primo, verso Montelago e anche verso la fonte Meregna di Agolla. Il sentiero 241 B, denominalo "la Colonna" per una sporgenza rocciosa, è un suggestivo percorso che attraversa una suggestiva faggata ad alto fusto e percorre antichi sentieri e mulattiere ricavate nel calcare, dando un aspetto primitivo con alcuni affioramenti carsici. Nei pressi della parete rocciosa, con un passo obbligato, si trova una ferratina che fa risalire su un dente calcareo, detto appunto "La Colonna", un punto panoramico che regala una vista mozzafiato. Da questo punto si può scendere fino ad Ormagnano, frazione di Camerino. Il sentiero parte da quota da 673 metri fino a 1069 metri, per la lunghezza di 1900 metri.

Leggi tutto: 241 B (La Colonna)

241 A (Ara Coeli)

E' il sentiero che si incrocia a sinistra salendo della "via AL.VA.P." e conduce ad Ormagnano (fraz. di Camerino) e a Seppio (Frazione di Pioraco). Parte da quota da 482 metri fino a quota 888 metri, per la lunghezza di 2700 metri.

Leggi tutto: 241 A (Ara Coeli)


Calcola il Percorso di Marca

Seleziona l'inizio del percorso:
Seleziona la fine del percorso:
Tipologia:
Waypoints: (Ctrl-Click for multiple selection)

Video Gallery

Pioraco

Agosto 2017
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2