Venerdì 18 Ago 2017

La stazione ferroviaria (XIX sec.)

Tra i principali eventi che strutturarono e realizzarono nel corso del XIX sec. l'espansione periferica della città chiusa medievale, le sistemazioni per l'inserimento della via ferrata contribuirono in modo determinante all'evoluzione della città moderna e alla trasformazione dello scenario extra moenia; la stazione di San Severino venne inaugurata con l'apertura del nuovo tronco ferroviario Castelraimondo-San Severino nel 1886, mentre a due anni di distanza nel dicembre del 1888 venne aperto l'altro successivo tratto di 10 km per Tolentino. Lungo il nuovo asse di espansione del viale della Stazione, si realizzarono le prime aree di svago: il giardino pubblico inaugurato dal sindaco Giuseppe Coletti nel 1873 e lo stesso piazzale della stazione compiuto nel 1886, ambedue affacciati al fronte ovest del rettilineo stradale che univa la medievale Porta del Mercato, alla nuova soglia della città moderna. Alla stazione di carrozze collocata fin dal medioevo nel largo di San Domenico si sostituì la stazione del treno: la lunga palazzina per i viaggiatori costituiva lo sfondo del piazzale antistante, un'area ove si poteva passare qualche lieto trastullo in attesa dell'arrivo del treno.

Il fronte della palazzina della stazione venne munito di un'ampia ed elegante tettoia metallica, la tipica marquise; per l'intenso movimento delle merci in esportazione vennero inoltre costruiti un apposito fabbricato per le locomotive di riserva e un ampio sviluppo di binari. Vi fu innalzato nel 1899 l'obelisco egiziano, il monumento ai caduti di Adua, che oltre a conferire monumentalità cittadina alla giovane area urbana, rappresentò l'asse verticale di riferimento visivo, a sfondo del viale della stazione, sottolineando lo snodo tra il percorso e lo slargo. Il piazzale, che aveva intorno comodi marciapiedi ombreggiati da piante di tiglio e intercalati da sedili in pietra a finto mosaico, era circondato ad ovest da alcune palazzine e ad est dal complesso del mulino a cilindri. Negli anni venti vennero riqualificati i margini, furono rifatte le cordonate dei larghi marciapiedi perimetrali e un'aiuola centrale.

Arch. Debora Bravi

Video Gallery

S.Severino

Agosto 2017
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2